Giovedì, 13 Marzo 2014 08:45

Regione Lazio: Fondi Europei 2014-2020, al via la nuova programmazione ascoltando cittadini e territori

La Regione Lazio vuole decidere come investire i Fondi Europei 2014-2020 insieme ai cittadini, agli amministratori, alle imprese ed a tutte le realtà interessate. 
 
Sostenere la crescita, valorizzare il territorio e ridurre le disparità sociali: ecco come verranno utilizzate le risorse. In questi giorni inizia il percorso della nuova programmazione 2014-2020. Si tratta di oltre 2 miliardi e 600 milioni di euro. "È una cifra molto importante e che ha un'anima legata al nostro modello di sviluppo: prima di tutto la sostenibilità e l'innovazione", ha spiegato il presidente Nicola Zingaretti.
     
Nel mese di aprile, infatti, si terrà un grande appuntamento pubblico: gli "Stati Generali del Partenariato". Da quel momento, e per un mese, chiunque potrà esprimere tramite internet le proprie opinioni e offrire i propri suggerimenti. 
 
Ecco cosa prevede la nuova programmazione: 
Imprese più competitive: con un investimento di oltre 600 milioni per favorire la crescita delle aziende, l’accesso al credito, l’internazionalizzazione e lo sviluppo di nuove specializzazioni produttive. 
Innovazione e ricerca: per questo settore così importante anche per lo sviluppo di nuove la Regione mette a disposizione più di 200 milioni di euro. 
Agenda digitale regionale: prevede, tra le altre cose, la diffusione della connessione ad alta velocità sul territorio regionale. Oltre 160 milioni di euro le risorse a disposizione, una parte delle quali provengono dal Fondo agricolo per lo sviluppo rurale. 
Politiche per l’ambiente: difendere l’ambiente e migliorare la qualità della vita dei cittadini a partire da questioni importanti come i rifiuti, il trasporto pubblico, l’inquinamento e il rischio geologico e idrogeologico. Più di 500 milioni di euro le risorse a disposizione.
Fondi contro la disoccupazione. Per contrastare questa piaga attraverso interventi mirati e con politiche per l’istruzione, la formazione e l’alta formazione. Circa 700 milioni di euro le risorse a disposizione.
Equità sociale e contrasto alla povertà: con una particolare attenzione alle fasce più deboli della popolazione, come gli anziani e i malati. Oltre 270 milioni di euro le risorse a disposizione per questi interventi. 
 
"Il nostro obiettivo è mandare il 22 luglio 2014 tutto il pacchetto a Bruxelles. Auspichiamo una collaborazione dall'organo legislativo, poi si aprirà il partenariato"– lo  ha detto Alessandra Sartore, Assessore al Bilancio.