Giovedì, 07 Novembre 2013 08:34

Il MIUR ha pubblicato il decreto di approvazione della valutazione tecnico-scientifica dei progetti presentati nell'ambito del Bando "Smart Cities & Communities"

Pubblicate, le graduatorie relative al BandoSmart Cities and Communities”, promosso dal MIUR, con la finalità di sviluppare progetti innovativi in ambito socio-ambientale, mirando al miglioramento della qualità della vita dei cittadini. Lo stanziamento previsto è di 630 milioni di euro.

16 ambiti di intervento, 35 esperti, 17 membri internazionali selezionati nell’ambito dell’albo esperti della Commissione Europea, 16 panel di valutazione e 71 progetti approvati.

I progetti selezionati sono ripartiti in due fasce: quelli che hanno ottenuto il maggior punteggio e quelli ritenuti idonei, che includono rispettivamente 32 e 39 progetti. Le idee progettuali, candidate sullo stessa tematica, sono state valutate da un Panel formato da tre valutatori esperti che ha attributo ad ognuna un punteggio. Quelle che hanno raggiunto il punteggio minimo sono state ammesse alla fase successiva, in cui si è effettuata una seconda valutazione. Al termine di questo passaggio per ciascun ambito si è formata una graduatoria derivante dalle valutazioni tecnico-scientifiche maturate in seno a ciascun Panel. I primi due progetti potranno essere finanziati.

 

Aziende, Istituti di ricerca e Università dovranno attendere ancora un po’ per l’effettiva erogazione dei finanziamenti. Alla fase istruttoria segue infatti il processo di verifica in loco da parte dei tecnici incaricati di verificare la coerenza dei progetti, ai sensi della 593/2000 che regolamenta i finanziamenti in ambito R&S.

E’ a questa verifica, prevista nel mese di novembre, che si lega l’effettiva erogazione dei finanziamenti.

Questi gli ambiti di intervento individuati dal bando: sicurezza del territorio, invecchiamento della società, tecnologie welfare ed inclusione, domotica, giustizia, scuola, waste management, tecnologie del mare, salute, trasporti e mobilità terrestre, logistica last-mile, smart grids, architettura sostenibile e materiali, cultural heritage, gestione risorse idriche, cloud computing technologies per smart government.