Mercoledì, 15 Giugno 2016 08:41

La Singularity University, centro di formazione sulle tecnologie a impatto esponenziale della Silicon Valley, apre a Roma.

Dopo il capitolo della Singularity University di Milano, è l’ora della capitale. Aprirà, infatti, un “chapter” anche a Roma, dove verranno organizzati eventi e incontri sui temi trattati nel centro di ricerca e d’innovazione della Silicon Valley.
 
La Singularity ha da qualche tempo intrapreso una strategia di  espansione globale per portare il “metodo” al di fuori della California. Quello che aprirà a Roma, infatti, non è una “filiale” della Singularity University, bensì un capitolo “decentrato” della rete SingularityU. 
 
La Singularity University, non ha nulla a che vedere con gli atenei tradizionali. Fondata nel 2008 da Ray Kurzweil Peter Diamandis, vuole fungere da centro di formazione, think-tank e incubatore di startup. Organizza programmi estivi di 10 settimane con la funzione di “ispirare” i futuri leader di domani. Il nome, Singularity, richiama la “singolarità tecnologica”, il concetto che hanno coniato i futurologi per determinare quel momento in cui lo sviluppo tecnologico supererà la capacità di comprensione dell’essere umano. Il programma SingularityU è leggermente diverso da quello portato avanti dalla Singularity University in California. Corsi ed eventi che si tengono nelle sedi “decentrate”, ad esempio, sono gratuiti e per prenderne parte servirà solo una registrazione. La SingularityU Rome punterà dunque a creare una rete di persone per favorire la nascita e la creazione di processi innovativi e per alimentare un ecosistema di “menti Singularity”.
 
L’apertura del Chapter di Roma rientra in un più ampio progetto di espansione globale della Singularity University al fine di permettere ad un numero sempre più elevato di persone di affrontare i temi dell’accelerazione del cambiamento tecnologico e di come le tecnologie esponenziali cambieranno le nostre vite e la società. Le attività ,a partire da Luglio , saranno di vario tipo come ad esempio l’Intelligenza Artificiale, le nanotecnologie, la robotica, il Cybercrime.
 
Luca La Mesa, responsabile della Singularity University di Roma, racconta che l’innovazione si muove sempre su due livelli complementari. L’ideazione dell’innovazione (grazie ad importanti investimenti in R&D) e l’implementazione dell’innovazione grazie all’intraprendenza e la capacità esecutiva di chi può recepirla sul territorio, sia nel privato che nel pubblico.
 
Fonte 
ischool.startupitalia.eu