Iscriviti

Privacy e Termini di Utilizzo
Venerdì, 23 Marzo 2018 08:13

Modello Organizzativo 231

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Con il Decreto Legislativo n. 231, il Legislatore ha recepito nel nostro ordinamento giuridico quanto stabilito da alcune convenzioni internazionali, introducendo un regime di responsabilità a carico degli enti, che si aggiunge alla responsabilità penale della persona fisica che ha materialmente commesso il reato. 

In particolare, si tratta di una particolare forma di responsabilità, a carico di società, associazioni ed enti in genere (di seguito “Enti”), per taluni reati commessi o tentati nel loro interesse o vantaggio da persone che rivestono, anche di fatto, un ruolo in azienda o che sono da questi dipendenti.

L’esonero dalla responsabilità è prevista qualora l’Ente dimostri di aver adottato ed efficacemente attuato un “Modello di organizzazione e gestione” idoneo a prevenire la realizzazione degli illeciti penali contemplati dal Decreto. 

A tal fine, il Modello deve rispondere alle seguenti esigenze (art. 6 del Decreto): 

    • “individuare le attività nel cui ambito possono essere commessi reati”; 

    • “prevedere specifici protocolli diretti a programmare la formazione e l’attuazione delle decisioni dell’ente, in relazione ai reati da prevenire”; 

    • “individuare modalità di gestione delle risorse finanziarie idonee ad impedire la commissione di reati”; 

    • “prevedere obblighi di informazione nei confronti dell’organismo deputato a vigilare sul funzionamento e l’osservanza dei modelli”; 

    • “introdurre un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate nel modello”.

Pur non rappresentando un obbligo per gli Enti l’adozione del Modello, nella deliberazione 32/2016 l'Autorità nazionale anticorruzione (ANAC) evidenzia la necessità per le stazioni appaltanti di vigilare sul rispetto del d.lgs. 231/01 da parte dei soggetti affidatari del Terzo Settore assumendo a presupposto sia il tenore letterale delle previsioni contenute all'articolo 6 del decreto legislativo (rivolte agli enti forniti di personalità giuridica, alle associazioni anche prive di personalità giuridica e alle società private concessionarie di un pubblico servizio) sia la natura dei servizi erogati.

Programma

09:00 – 09.15 Registrazione partecipanti

09:15 – 10.00 Ratio del Decreto legislativo 231/01

10:00 – 11.00 Reati presupposto

11:00 – 11:15 Pausa caffè

11:15 – 13:00 Criteri di imputazione ed esimente

13:00 – 14:00 Pausa pranzo

14:00 – 15:00 Sistema sanzionatorio 

15:00 – 16:00 Sviluppo dei Modelli Organizzativi

16:00 – 17:00 Internal Auditing

17:00 – 18:00 Organismo di Vigilanza

Contributo:  € 120,00 (€ 105,00 per i soci UNA Italia), quota comprensiva di attestato di partecipazione.

Modalità di Pagamento:

  • In contanti il giorno stesso dell'evento;
  • Bonifico Bancario (obbligatorio inviare copia del Bonifico); Causale Nome e Cognome del partecipante e la voce da attribuire al pagamento "Modello Organizzativo 231". Beneficiario: Associazione UNA ITALIA - IBAN : IT93R0760103200001022966517

Modalità di iscrizione (obbligatoria): attraverso www.diariodellaformazione.it , compilando l'apposito form di iscrizione.  

Per i NON SOCI: fare richiesta di adesione all'associazione UNA ITALIA, contestualmente all'iscrizione all'evento, compilando il form che trovi cliccando qui diventa socio. ISCRIZIONI APERTE FINO A mercoledì 21 marzo 2018 ore 12.00.

N.B. Ai partecipanti regolarmente iscritti, verrà inviata una mail di conferma relativa alla ATTIVAZIONE del suddetto Laboratorio/Corso/Infoday, mercoledì pomeriggio. In caso contrario, il Laboratorio/Corso/Infoday NON SARÀ ATTIVATO.

Sede del Seminario: CNOS FAP Regione Lazio Via Umbertide, 11, 00181 Roma. Metropolitana linea A fermata Colli Albani.

Contatti 

 
Letto 48 volte Ultima modifica il Martedì, 20 Febbraio 2018 11:44