Iscriviti

Privacy e Termini di Utilizzo
Giovedì, 29 Marzo 2018 08:13

Modello Organizzativo 231

Con il Decreto Legislativo n. 231, il Legislatore ha recepito nel nostro ordinamento giuridico quanto stabilito da alcune convenzioni internazionali, introducendo un regime di responsabilità a carico degli enti, che si aggiunge alla responsabilità penale della persona fisica che ha materialmente commesso il reato. 

In particolare, si tratta di una particolare forma di responsabilità, a carico di società, associazioni ed enti in genere (di seguito “Enti”), per taluni reati commessi o tentati nel loro interesse o vantaggio da persone che rivestono, anche di fatto, un ruolo in azienda o che sono da questi dipendenti.

L’esonero dalla responsabilità è prevista qualora l’Ente dimostri di aver adottato ed efficacemente attuato un “Modello di organizzazione e gestione” idoneo a prevenire la realizzazione degli illeciti penali contemplati dal Decreto. 

A tal fine, il Modello deve rispondere alle seguenti esigenze (art. 6 del Decreto): 

    • “individuare le attività nel cui ambito possono essere commessi reati”; 

    • “prevedere specifici protocolli diretti a programmare la formazione e l’attuazione delle decisioni dell’ente, in relazione ai reati da prevenire”; 

    • “individuare modalità di gestione delle risorse finanziarie idonee ad impedire la commissione di reati”; 

    • “prevedere obblighi di informazione nei confronti dell’organismo deputato a vigilare sul funzionamento e l’osservanza dei modelli”; 

    • “introdurre un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate nel modello”.

Pur non rappresentando un obbligo per gli Enti l’adozione del Modello, nella deliberazione 32/2016 l'Autorità nazionale anticorruzione (ANAC) evidenzia la necessità per le stazioni appaltanti di vigilare sul rispetto del d.lgs. 231/01 da parte dei soggetti affidatari del Terzo Settore assumendo a presupposto sia il tenore letterale delle previsioni contenute all'articolo 6 del decreto legislativo (rivolte agli enti forniti di personalità giuridica, alle associazioni anche prive di personalità giuridica e alle società private concessionarie di un pubblico servizio) sia la natura dei servizi erogati.

Programma

09:00 – 09.15 Registrazione partecipanti

09:15 – 10.00 Ratio del Decreto legislativo 231/01

10:00 – 11.00 Reati presupposto

11:00 – 11:15 Pausa caffè

11:15 – 13:00 Criteri di imputazione ed esimente

13:00 – 14:00 Pausa pranzo

14:00 – 15:00 Sistema sanzionatorio 

15:00 – 16:00 Sviluppo dei Modelli Organizzativi

16:00 – 17:00 Internal Auditing

17:00 – 18:00 Organismo di Vigilanza

Contributo:  € 120,00 (€ 105,00 per i soci UNA Italia), quota comprensiva di attestato di partecipazione.

Modalità di Pagamento:

  • In contanti il giorno stesso dell'evento;
  • Bonifico Bancario (obbligatorio inviare copia del Bonifico); Causale Nome e Cognome del partecipante e la voce da attribuire al pagamento "Modello Organizzativo 231". Beneficiario: Associazione UNA ITALIA - IBAN : IT93R0760103200001022966517

Modalità di iscrizione (obbligatoria): attraverso www.diariodellaformazione.it , compilando l'apposito form di iscrizione.  

Per i NON SOCI: fare richiesta di adesione all'associazione UNA ITALIA, contestualmente all'iscrizione all'evento, compilando il form che trovi cliccando qui diventa socio. ISCRIZIONI APERTE FINO A martedì 27 marzo 2018 ore 12.00.

N.B. Ai partecipanti regolarmente iscritti, verrà inviata una mail di conferma relativa alla ATTIVAZIONE del suddetto Laboratorio/Corso/Infoday, mercoledì pomeriggio. In caso contrario, il Laboratorio/Corso/Infoday NON SARÀ ATTIVATO.

Sede del Seminario: CNOS FAP Regione Lazio Via Umbertide, 11, 00181 Roma. Metropolitana linea A fermata Colli Albani.

Contatti 

 
Letto 315 volte Ultima modifica il Venerdì, 09 Marzo 2018 10:28